Bulgur con fave e asparagi selvatici

IMG_2282Se non avessi congelato un po’ di fave dello scorso anno, oggi non avrei potuto realizzare questa ricetta. Mentre le nuove crescono nell’orto, in questi giorni, possiamo raccogliere nei campi l’asparago selvatico, una specie del quale si consumano i turioni dall’apprezzato sapore amarognolo.

IMG_2187

Il bulgur, in italiano grano spezzato, (denominato anche burghul, bulghur, boulghour, boulgour, boulgoul, boulghoul, bulghul, bulgul o bourghoul) è un alimento costituito da frumento integrale, grano duro germogliato, che subisce un particolare processo di lavorazione. I chicchi di frumento vengono cotti al vapore e fatti seccare, poi vengono macinati e ridotti in piccoli pezzetti; è molto diffuso in Medio Oriente ed il suo nome deriva dal turco bulğur con il significato di “orzo bollito”. Fonte Wikipedia.

Ingredienti:  

– 350 gr di bulgur bio
– un mazzo di asparagi selvatici
– 200 gr di fave
– una cipolla
– cumino (facoltativo)
– peperoncino
– olio extravergine di oliva
– sale q.b.

Procedimento: 

Cuciniamo il bulgur in acqua salata seguendo le indicazioni riportate sulla confezione.

IMG_2221

Tritiamo la cipolla, soffriggiamola con tre cucchiai di olio, del peperoncino e mezzo cucchiaino di cumino fatto tostare in precedenza.
Aggiungiamo le fave, gli asparagi e un mestolo dell’acqua di cottura del bulgur. Copriamo e lasciamo cuocere fino a quando gli ortaggi non saranno teneri. Spegniamo e saliamo.

IMG_2227

Condiamo il bulgur con le fave, gli asparagi e un filo d’olio.

IMG_2260Semina e cucina. Dalla terra alla tavola.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*